Una giornata sui luoghi della guerra

Un itinerario che ripercorre il fronte dolomitico orientale e la dorsale carnica della Grande Guerra, …leggendo gli scritti di Antonio Berti.

(itineraio elaborato dalla Regione Veneto. Da: “Comitato Centenario Grande Guerra Documento programmatico e organizzativo”)

itineario_guerrra

L’itinerario inizia dal Monte Piana che con i suoi 14.000 morti rimane tutt’oggi luogo di memoria e di dolorosi ricordi, simbolo di una inutile immagine tragedia. Leggi tutto “Una giornata sui luoghi della guerra”

La guerra “riciclata”: l’elmetto diventa uno scaldino e la sella una slitta

di Edoardo Pittalis sul Gazzettino del 20 luglio 2015
SAN ZENONE – C’è un museo della Grande Guerra che ti fa pensare alla pace. Un museo nel quale tutto ciò che apparteneva all’orrore è stato convertito in materiale di uso domestico, di adatto al lavoro dei campi e delle stalle. Oggetti unici e rari, alcuni introvabili, raccontano di IMG_3328come i nostri nonni riuscirono a convertire all’utilizzo quotidiano il materiale abbandonato dalle truppe al fronte in un Nordest allora poverissimo. Il museo è stato allestito a San Zenone degli Ezzelini sui tre piani della villa Marini Rubelli e resterà aperto fino a tutto luglio. “La vita dopo la Grande Guerra, l’arte del riciclo di materiali bellici”, è nata dalla passione del collezionista e antiquario Egidio Guidolin che già in passato ha presentato in Veneto una mostra dedicata alla scuola nell’Italia Unita. Leggi tutto “La guerra “riciclata”: l’elmetto diventa uno scaldino e la sella una slitta”